Grazie alle riflessioni di Disorder, che condivido in pieno. Aggiungo soltanto che spero che la polemica seguita alla pubblicazione ti tale ironica e sarcastica e forse emblematica copertina, quasi un’epigrafe allo spirito del rock e -purtroppo- l’ennesima legittimazione della visione del mondo secondo videocracy, non si riveli fine a se stessa ma arrivi a far ragionare anche chi ancora, di politica e/o etica, non ne ha voluto sentir parlare, magari fino a compiere quello stesso gesto lì illustrato: strapparla, se proprio la si è dovuta o, visti i tempi, potuta acquistare ‘sta rivista. Bell’Italia di merda: quelli con l’oro gelido al collo hanno ancora e sempre un cuore di piombo. Che non bastava il Nobel simbolico per una Pace in prospettiva alla dialettica incoerente di Obama, no… Quel nobel lo si doveva simbolizzare ulteriormente dichiarando rockstar il criminale dei criminali italiozzi. Che nervi.
E non ditemi amen, grazie.

Annunci